///

Essere un punto di riferimento per gli altri. Le 8 Virtù del leader del futuro

8 mins read
Foto del profilo di Stefano Pasqualetto

Stefano Pasqualetto, Manager e Coach a servizio delle imprese, parla dell’essere leader e delle caratteristiche, nello specifico otto, che servono oggi e serviranno ancor di più domani, per assolvere al compito di guida per gli altri.

Ti sei chiesto se sei preparato al compito che ti attende domani, quando le persone intorno a te si aspetteranno di poter contare proprio sulle tue virtù? Sei un leader pronto per il futuro? Hai la mentalità e le competenze giuste per essere in grado di guidare efficacemente gli altri nei prossimi anni? La maggior parte degli individui e delle organizzazioni non sa come sarà la leadership in futuro, cosa richiederà, quali caratteristiche dovranno avere i leader.

Leadership oggi

È stato scritto molto sulla leadership dei giorni nostri, ma il mondo sta cambiando rapidamente. Ciò che ha funzionato in passato non è certo che funzionerà allo stesso modo in futuro. Abbiamo bisogno di sapere come preparare leader che possano navigare con successo e guidarci attraverso il prossimo decennio, oltre la pandemia, dentro una società sempre più fluida e frammentata, veloce, smart, dove il lavoro si “sparge”, le deleghe si opacizzano, le mission si confondono.

Come sta cambiando la leadership e perché? Quanto sono pronti i leader oggi per questi cambiamenti? Cosa dovrebbero fare ora i leader? La maggior parte dei principali leader aziendali del mondo oggi crede che, mentre alcuni aspetti fondamentali della leadership rimarranno gli stessi, come l’importanza della creazione di una visione e l’attuazione di una strategia, i leader del futuro avranno bisogno di un nuovo arsenale di competenze e mentalità per avere successo.

Lavoro e opportunità: Future Leaders Programme | ManagementCuE

La leadership secondo Pasqualetto

Stefano Pasqualetto elenca queste competenze: “Nel mio percorso professionale ho avuto l’opportunità di confrontarmi con una grande varietà di imprese e con differenti stili di leadership. La leadership, i tratti distintivi e le convinzioni personali di imprenditori e manager si traducono in comportamenti.

Non esprimo giudizi sulle persone, né parlo di azioni buone o cattive, mi riferisco alle conseguenze, ai risultati di un certo modo di porsi rispetto alle situazioni e alle persone, che possono essere funzionali o non funzionali allo scopo e che possono portare armonia o tensione all’interno delle organizzazioni.

Da alcuni leader d’azienda ho imparato molto, proprio osservando comportamenti e risultati. 
Il leader che agisce in modo virtuoso produce risultati virtuosi.

Ho riconosciuto 8 qualità, meglio ancora, 8 virtù di imprenditori e manager che guidano la propria impresa con efficacia e che rappresentano un modello per un futuro realmente sostenibile nelle aziende:

  1. NON ATTACCAMENTO: la loro spinta principale non deriva da denaro, prestigio, status, ma sono mossi da un #purpose, da una missione, da ciò in cui credono. Fanno la differenza perché conoscono e proseguono il proprio perché.
  2. APERTURA A CONFRONTARSI CON L’ERRORE: si concentrano sul miglioramento del processo, non su cosa è giusto o sbagliato, bello o brutto. Osservano solo ciò che funziona e ciò che si può migliorare.
  3. CAPACITÀ DI ISPIRARE E DI UNIRE: si allenano e allenano gli altri a non giudicare; tendono a mettere insieme non a separare, cercano continuamente il feedback e il win-win nelle situazioni e con le persone.
  4. ATTITUDINE AL PERDONO: non si attaccano a rancori o al passato, ma lasciano andare. Perdonare significa lasciar andare, con amore, chi o cosa ti ha ferito e questo cercano di fare con costanza, per guardare con apertura al futuro e agli obiettivi da raggiungere.
  5. FIDUCIA: credono fortemente che quello che ancora non si vede accadrà; lasciano andare i loro pregiudizi e si concentrano sulla parte luminosa delle persone.
  6. UMILTÀ: sono aperti all’ascolto, consapevoli che ogni giorno è una ripartenza, non si crogiolano sul proprio ego e sui successi passati. Sanno che la formazione continua fa parte del processo di evoluzione professionale e personale.
  7. RICONOSCENZA: riconoscono e sono grati a tutti coloro che hanno contribuito al loro percorso e non perdono l’occasione di celebrarne i successi.
  8. UNICITÀ: non si omologano, non si prendono troppo sul serio e non si muovono per convenienza. Agiscono sulla base del proprio sentire, seguendo la loro missione con determinazione e passione.

Queste 8 virtù che ho osservato in azienda, rappresentano in realtà un potenziale di espressione di ciascun individuo, sia nella sfera professionale che personale – afferma Stefano Pasqualetto.

Tutti noi possiamo essere dei leader virtuosi e consapevoli, in ogni circostanza

Stefano Pasqualotto

Leader nella complessità

Viviamo in un mondo complesso, che lo diventa sempre di più nel tentativo di rendere le cose più facili. In realtà la facilità non è sinonimo di semplicità. Ed ogni volta che troviamo un nuovo strumento per risolvere qualcosa, cambiamo le carte in tavola, troviamo nuovi modi di comunicare e comportarci. In un mondo del genere è importante, allora, essere più competitivi, avvalendoci per primi e meglio di questi strumenti. E proprio per questo più esigenti rispetto al passato.

Questo è ciò che si sente dire in giro, ma la realtà è che i leader di oggi, come suggeriscono le otto skills elencate da Pasqualetto, hanno bisogno di creare un equilibrio, spesso non semplice, tra il fare e l’essere e poi nel comunicare e nel relazionarsi. Sono otto e sono abilità che, a guardare bene, sono quelle che ogni leader si porta appresso dal suo passato, radici di una crescita spesso difficile in un mondo in gara permanente. Sono virtù che durano una vita e che possono supportarci come leader, a diventare più sicuri di noi stessi e ad affrontare con maggior efficacia le sfide che si distribuiranno nei prossimi, complessi anni davanti a noi.

Sviluppare, dunque, più fiducia in se stessi, saper ispirare, perdonare ed essere riconoscenti, esprimere al meglio le proprie idee con il giusto equilibrio, senza arroganza ma con umiltà, gestire lo stress e sviluppare un atteggiamento positivo, migliorare il lavoro in team e sviluppare le abilità di comunicazione.

Queste sono le armi di cui si dovrà dotare il leader del futuro.

Articolo Precedente

E-commerce: le tendenze del 2021 in Italia

Articolo Successivo

Salvatore Garufi: "nella vita puoi costruire qualsiasi cosa." Ma non tutto... e subito!

Ultime News