Consumatori e operatori dell’economia circolare si incontrano

///
9 mins read

Già da un po’ di anni l’economia circolare si sta affermando come nuovo modello di produzione e consumo, in contrapposizione al tradizionale sistema lineare. In quest’ultimo la vita del prodotto aveva un inizio e una fine, seguendo uno schema standard: estrazione, produzione, utilizzo e rifiuto.

Al contrario, l’economia circolare si fonda sul concetto di ricondizionamento e di riutilizzo dei materiali, reintroducendoli nel ciclo produttivo e conferendogli, così, una nuova vita.

Gli effetti di questo nuovo approccio sono evidenti sia in termini di riduzione dei rifiuti, sia – conseguentemente – in termini di salvaguardia dell’ambiente.

Il tema è cruciale anche per la Commissione Europea che a marzo 2020 ha presentato il piano d’azione per una nuova economia circolare, poi approvato dal Parlamento Europeo a febbraio 2021. Il patto sostiene iniziative volte alla riduzione dei rifiuti e alla progettazione di prodotti sostenibili, con particolare attenzione alle industrie che utilizzano numerose materie prime riciclabili come: elettronica, tessile, edile, alimentare, plastica, imballaggi.

Favorire un modello di economia circolare rappresenta anche la risposta al divario crescente tra scarsità delle risorse e aumento della domanda di materie prime. Vuol dire dunque favorire un sistema economico più efficace e più efficiente, che stimoli l’innovazione e la crescita anche in termini occupazionali.

“La app Mercato Circolare, è la prima in Italia che mette in connessione utenti e realtà che operano secondo i principi dell’economia circolare”

“Il contesto italiano – evidenzia Nadia Lambiase, Ceo di Mercato Circolare – vede un numero crescente di attività economiche di vario tipo che producono e/o vendono beni e servizi seguendo i principi dell’economia circolare”.

“Tuttavia, da una parte, il pubblico fatica a riconoscere il valore dei beni e servizi offerti da queste imprese, dall’altra, le stesse imprese spesso non sono pienamente consapevoli di agire all’interno del paradigma dell’economia circolare”.

Abbiamo approfondito l’argomento in questa intervista.

Come nasce Mercato Circolare e quali obiettivi si pone?

Mercato Circolare srl Società Benefit è una start-up innovativa a vocazione sociale e benefit company, nata a Torino nel 2018 per far emergere e crescere l’attenzione del pubblico per l’economia circolare e le sue imprese, a partire da un uso mirato delle tecnologie digitali, in particolare attraverso lo sviluppo dell’applicazione Mercato Circolare: la prima app in Italia che consente all’utente di entrare in contatto diretto con imprese circolari, via smartphone.

Mercato Circolare nasce per rendere APPlicabile e accessibile l’economia circolare, creando connessioni digitali e culturali tra cittadini, aziende, associazioni e istituzioni coniugando l’innovazione tecnologica (sviluppo della app) e l’innovazione sociale e culturale (sperimentiamo nuovi format di divulgazione che uniscono teatro, tecnologia e design). Per noi infatti, l’economia circolare, prima di essere una questione tecnica o economica è una questione di cultura e di postura. E’ necessario cambiare sguardo e punto di vista con cui guardiamo il mondo, la natura e le relazione tra i viventi.

In che modo Mercato Circolare favorisce l’incontro tra domanda e offerta di beni e servizi circolari?

Mercato Circolare si propone come trait d’union tra il mondo delle imprese, i consumatori e le istituzioni in diversi modi.

  • Attraverso la app Mercato Circolare
  • Attraverso eventi formativi, divulgativi e culturali: la circuizione dello spettacolo teatrale prodotto da Pop Economix,  Blue Revolution. L’economia ai tempi dell’usa e getta, e workshop modulabili e percorsi di serious game, come eRRRAndo un web game alla scoperta delle “R” dell’economia circolare
  • Offrendo consulenza e costruendo occasioni di networking tra imprese, istituzioni, enti di ricerca.

Quali sono i servizi offerti oggi e quali, eventualmente, saranno implementati in futuro?

Grazie al lavoro continuo di ricerca e scouting degli attori chiave dell’ecosistema dell’economia circolare – nazionale e non solo –, Mercato Circolare si propone come osservatorio privilegiato sul tema, in grado di offrire consulenza a imprese, istituzioni e amministrazioni pubbliche.
In particolare Mercato Circolare offre quattro tipologie di consulenza:

Orientamento e valutazione: come indirizzare la propria organizzazione verso i principi dell’economia circolare; come misurare il proprio impatto a partire dalla lettura della circular & systemic value chain;

Engagement: come coinvolgere i propri stakeholder nel processo di transizione verso l’economia circolare;

 – Networking: favorire la creazione di ponti tra imprese, istituzioni, enti di ricerca nella direzione dell’economia circolare; supporto nella creazione di partenariati per partecipare a bandi locali, nazionali ed europei;

–  Comunicazione strategica.

Inoltre, Mercato Circolare è specializzata nell’erogazione di percorsi formativi sui temi dell’economia circolare caratterizzati da un approccio interattivo e crossmediale in grado di coinvolgere esperti e non esperti. Pertanto ci rivolgiamo ad aziende, istituzioni e scuole.

Come funziona l’ App Mercato Circolare?

La app Mercato Circolare, rilasciata nella sua nuova versione a settembre 2020, ad oggi raccoglie più di 800 tra aziende (sia b2b che b2c) e iniziative circolari in Italia, selezionate in base a 7 criteri di circolarità:

  • recupero e riciclo;
  •  upcycling: lo scarto di una filiera produttiva diventa input per una nuova filiera produttiva;
  •  input circolari: bio-based e riciclati;
  •  estensione vita del prodotto: riparazione, usato, rigenerazione, refill;
  •  piattaforma di condivisione: opportunità di mettere in condivisione dei beni/servizi;
  •  prodotto come servizio: affittare invece che comprare un bene;
  •  riduzione impatto e sprechi.

 La app è gratuita sia per gli utenti che per le realtà censite.
Gli utenti possono effettuare ricerche, libere o per categoria di prodotti, servizi, aziende, iniziative; acquistare locale e online; e proporre nuove realtà/prodotti/iniziative al nostro team.

Le imprese possono, a loro volta, raccontarsi ed entrare in contatto con una comunità attenta ai temi della sostenibilità, promuovere e vendere nel modo più efficace i propri prodotti, servizi o iniziative,  incontrare altre realtà interessanti dell’ecosistema dell’economia circolare.

Stiamo lavorando per migliorare continuamente l’esperienza utente (funzione ricerca e servizio notifiche)

L’idea alla base della app Mercato Circolare è quella di rendere visibile e raccontabile la storia e i valori dietro ogni prodotto, servizio. Questo perché, da un parte, ciascuno di noi sia sempre più consapevole del ruolo che gioca ogni volta che fa un acquisto, o decide di non farlo e dall’altra perché le imprese siano portate a render conto di come generano valore per la collettività.

Mercato Circolare e collaborazione con la ong LVIA

Dall’anno scorso Mercato Circolare collabora con la ong LVIA nell’ambito del bando Coopen finanziato da  Fondazione Cariplo e Fondazione compagnia di SanPaolo, rivolto a  innovatori che lavorano nel campo dell’economia circolare su progetti ad alto impatto tra Italia e Africa. 

L’esigenza espressa dal bando era quella di avere “soluzioni per mappare, tracciare e aggiornare i profili di innovatrici e innovatori locali e imprenditori interessati a progetti di economia circolare”. Abbiamo così realizzato la app sorella di ‘Mercato Circolare’ per il Senegal, ovvero “SenegAPP Circulaire” che andremo a presentare ai partner senegalesi nella prossima settimana dal 7 al 13 marzo.

Per il prossimo futuro speriamo, quindi, di rafforzare la collaborazione con il contesto senegalese e aprirci ad altri Paesi europei e non.

Appassionata di scrittura e comunicazione in tutte le sue forme. Giornalista pubblicista, divoratrice di libri, ferma sostenitrice della parola come potente mezzo di conoscenza, relazione ed emozione.

Articolo Precedente

BEN CAVENDISH e il suo NUOVO SINGOLO “MEMORY LANE”

Articolo Successivo

15.000 mq di nuovo verde per Villa Ada a Roma

Ultime News