Il 42% dei clienti del settore “travel” abbandona un sito dopo aver visualizzato una sola pagina

//
7 mins read

Il nuovo Travel Digital Experience Benchmark Report di Contentsquare analizza potenzialità e criticità del settore nel post pandemia. L’analisi ha preso in esame oltre 2,7 miliardi di sessioni di navigazione Web (di cui 31 milioni in Italia) evidenziando gli aspetti della user experience di cui tener conto per favorire la crescita delle aziende del comparto turismo e hospitality

Il 42%: mica pochi!

Il 42% dei clienti del settore viaggi perde interesse dopo aver visualizzato una sola pagina: è quanto emerge dal nuovo Travel Digital Experience Benchmark Report di Contentsquare, leader nella digital experience analytics che ha esaminato punti di forza e criticità dei portali travel nell’intento di offrire alle aziende del settore indicazioni utili per l’ottimizzazione della digital experience a supporto della ripartenza del comparto.

A livello globale, il report ha analizzato per un anno 328 siti web del settore travel rappresentativi di 25 nazioni, tra cui l’Italia, per un totale di oltre 2,7 miliardi di sessioni al fine di fornire ai brand del settore turismo e hospitality indicazioni utili in merito al comportamento degli utenti, ottimizzare così la customer digital experience e incrementare i ricavi.

Il settore travel

Il settore travel gode infatti di un elevato tasso di conversione medio pari al 3,9% a livello globale (1,65% quello relativo all’Italia) e superiore del 70% rispetto a quello registrato per altri comparti (pari al 2,3%), attestandosi come settore strategico su cui investire per migliorare l’esperienza digitale degli utenti.

Per quanto riguarda il caso specifico dell’Italia, a fronte di oltre 31 milioni di sessioni di navigazione web analizzatel’analisi ha evidenziato cheil 62,5% degli utenti predilige la navigazione mobile per una prima ricerca di informazioni in merito a viaggi e prenotazioni, ma il 35,5% sceglie di approfondire o finalizzare l’acquisto tramite desktop.

Un dato che invita a riflettere sull’importanza crescente che riveste la navigazione mobile nell’offrire agli utenti in cerca di informazioni preliminari un’esperienza digitale soddisfacente tale da favorire il ritorno sulla piattaforma e una spinta decisiva alla conversione tramite navigazione desktop.

Strategie di digital experience

Un altro elemento strategico per l’analisi della digital experience è rappresentato dal bounce rate dove anche in questo caso il comparto travel gode di un ottimo posizionamento attestandosi al 42% a livello globale (41,2% per l’Italia), secondo solo al settore energetico (38%).

Un aspetto invece meritevole di attenzione è il tempo medio di caricamento delle pagine web che si attesta a 1,65 secondi a livello globale e a 2,17 secondi per i portali italiani. Dato che evidenzia la necessità di analizzare la UX per offrire un’esperienza digitale più gratificante e tale da favorire i processi di acquisto dei clienti.

L’esperienza digitale è diventata infatti un terreno di forte competizione tra i brand nel tentativo di catalizzare il più possibile l’attenzione dei potenziali clienti verso i propri servizi. Ma come monitorarla per capire se i propri contenuti e la propria digital experience siano all’altezza delle aspettative?

Un elemento da analizzare attentamente è il tempo medio trascorso sulle pagine web. Dal Travel Digital Experience Benchmark Report di Contentsquare è emerso che a livello globale un utente medio trascorre all’incirca 5 minuti e 15 secondi per sessione, dato in crescita se comparato ai 4 minuti e 49 secondi registrati in media nel 2020.

Questo fattore è un elemento chiave che indica la necessità di realizzare contenuti in grado di coinvolgere l’utente, veloci nei tempi di caricamento e che rispondano efficacemente alle sue richieste. 

Parola d’ordine: ottimizzare l’esperienza

Ma l’ottimizzazione dell’esperienza online non si limita ai soli siti web: dal rapporto si evince infatti che la maggior parte del traffico ottenuto dai portali travel è di tipo organico (80% a livello globale e 62,46% per l’Italia) e proviene dai canali social, motori di ricerca, email e referral. Un elemento a cui prestare attenzione per determinare le tattiche di marketing online più efficaci nel veicolare maggior traffico verso i siti web.

“La user experience sta diventando sempre più un elemento differenziante nel favorire la crescita o il fallimento di un brand. Possiamo dire che oggi stia realmente plasmando le prospettive future della relazione che si costruisce online tra aziende e pubblico di riferimento, attestandosi sempre più come un terreno che determinerà i leader di mercato. Ancor più in un comparto strategico nel nostro paese come quello del turismo e dell’hospitality che deve essere maggiormente sostenuto a seguito degli effetti della pandemia” ha commentato Marco Ferraris, country manager per l’Italia di Contentsquare.

Il Travel Digital Experience Benchmark Report di Contentsquare con i consigli per migliorare la digital experience nel settore travel è disponibile qui.

Due parole su Contentsquare

Leader globale della Digital Experience Analytics, Contentsquare permette ai brand di rendere la loro esperienza digitale più umana. La nostra tecnologia basata sull’ IA trasforma i dati comportamentali degli utenti in insights ad ogni tappa del loro percorso online (su web, mobile e app), permettendo alle aziende di rendere più umane le loro esperienze digitali, prioritizzare le loro azioni e aumentare le conversioni.

La piattaforma di Contentsquare contribuisce anche alla trasformazione digitale delle aziende, aumentando la fiducia dei clienti e migliorando sicurezza, privacy e accessibilità digitale dei siti. Più di 850 brand nel mondo utilizzano Contentsquare per far crescere il loro business, aumentare la soddisfazione dei loro clienti e migliorare l’agilità in un mondo digitale in continua evoluzione.

Fondata a Parigi nel 2012 e con uffici in tutto il mondo, Contentsquare fornisce gli insight sull’esperienza online dei clienti su oltre 1 milione di siti web e app in tutto il mondo. Contentsquare ha raccolto 810 milioni di dollari di finanziamenti da importanti investitori, tra cui Softbank, BlackRock e altri.

Per maggiori informazioni, visita www.contentsquare.com/it

Articolo Precedente

PIRANDELLIANA 2022: l'evento teatrale dell'estate romana

Articolo Successivo

PMI: FIRMA ELETTRONICA (E ALTRE SOLUZIONI TECH) ANTIDOTO ALL’AUMENTO DEI PREZZI

Ultime News