Kamala Harris la prima donna vicepresidente degli USA

//
4 mins read

di Ileana Barone –

La presidenza Biden è già entrata nella storia grazie all’elezione della prima donna alla vicepresidenza: Kamala Harris. Di madre indiana e padre giamaicano, la nuova numero due è il simbolo dell’America multietnica.

Chi è Kamala Harris?

Sebbene io sia la prima donna a ricoprire questo incarico, non sarò l’ultima” queste sono state le prime parole della neo vicepresidente. Ma chi è davvero Kamala Harris? La sua vita è stata costellata di alti e bassi. Nata nel 1964 ad Oakland, in California, dopo la separazione dei genitori, ha vissuto con la mamma e la sorella in Canada. Tornata in America ha studiato alla Howard University e all’Hasting College of the Law di San Francisco, laureandosi con il massimo dei voti. Completati gli studi, dal 1990 al 1998, lavora come vice procuratore distrettuale della Contea di Alameda. Nel 2003 viene eletta procuratore distrettuale di San Francisco. Rieletta nel 2007 rimane in carica per altri quattro anni.

Continua intanto la sua scalata gerarchica con l’elezione a procuratore generale della California, carica che manterrà fino al 2017 grazie ad un secondo mandato avvenuto nel 2014. Unica donna asioamericana a ricoprire questa carica. Nel 2016 si candida alle elezioni per il Senato risultando, a giugno di quello stesso anno, la più votata alle primarie della California, dove parteciparono i candidati di tutti i partiti. A novembre dello stesso anno diventa la prima statunitense ad essere eletta al Senato, succedendo a Barbara Boxer che si ritira dopo 24 anni, iniziando il proprio mandato nel gennaio del 2017.

Nel gennaio 2019 si candida per le primarie democratiche, ritirando poi la candidatura per appoggiare Biden. L’11 agosto Joe Biden, candidato presidenziale democratico, la nomina per la vice presidenza.

Assistenza sanitaria per tutti, riforma del sistema fiscale, aumento del salario minimo, questione ambientale (ha introdotto, insieme alla deputata Alexandria Ocasio Cortez, il Climate Equity Act) sono le posizioni che condivide con Biden e con l’aria progressista del partito.

A conquistare il pubblico non sono state solo le sue dichiarazioni politiche ma anche gli outfit: nella sua prima visita ad uno stato in bilico, il Wisconsin, ha tolto i tacchi per indossare delle più comode snikers che hanno fatto impazzire il web. Molto apprezzato è stato anche il dibattito contro Mike Pence, che l’ha vista perentoria nel ripetere al proprio rivale “Mr. Vice President, I’m speaking” stroncando ogni tentativo del rivale di bloccare i suoi interventi.

Per il suo primo discorso da vice presidente a Wilmington, North Carolina, Kamala Harris ha scelto di indossare il bianco, il colore simbolo della lotta per il diritto al voto delle suffragette. Ha messo al centro del suo discorso le donne, ringraziandole: “Penso alle donne che hanno combattuto e sacrificato così tanto per l’uguaglianza, la libertà e la giustizia per tutti, comprese le donne afroamericane, spesso trascurate ma che spesso dimostrano di essere la spina dorsale della nostra democrazia“. “Joe ha avuto l’audacia di rompere una delle maggiori barriere nel nostro Paese”, ha aggiunto, sottolineando di essere arrivata alla vicepresidenza “sulle spalle di tutte le donne”.

sw
Articolo Precedente

Quarta Rivoluzione Industriale o Great Reset?: come lo storytelling del potere incanta il mondo

Articolo Successivo

Coronavirus: le fake news circolano più velocemente sui social?

Ultime News