Coronavirus: le fake news circolano più velocemente sui social?

/
4 mins read

di Giacomo Torresi –

Un team di ricercatori, tra cui Walter Quattrociocchi dell’Università Sapienza di Roma, ha realizzato uno studio, pubblicato su Scientific Reports, che offre finalmente un quadro dettagliato delle piattaforme social più utilizzate e degli argomenti più cercati durante questi mesi di pandemia.

Durante la pandemia del nuovo coronavirus siamo stati tempestati da dati, notizie e informazioni, sia vere che false. Un fenomeno che viene chiamato infodemia, ovvero la circolazione incontrollata di una quantità eccessiva di informazioni (anche non attendibili) che rendono estremamente difficile al grande pubblico orientarsi su uno specifico argomento, il coronavirus.

Il termine infodemia viene utilizzato per sottolineare i pericoli legati alla disinformazione, che possono accelerare la diffusione dell’epidemia, influenzando fortemente il comportamento delle persone. Nello studio si legge: “Per esempio, la Cnn ha diffuso la notizia sul possibile blocco della Lombardia per prevenire la diffusione del coronavirus, pubblicandola poche ora prima della comunicazione ufficiale. Di conseguenza, le persone sono fuggite dalla regione sovraffollando treni e aerei e vanificando, di conseguenza, l’iniziativa del governo di contenere l’epidemia”.

A porre l’attenzione e a lanciare l’allarme sulla preoccupante infodemia è stata anche l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo cui la già complicata gestione della pandemia è stata accompagnata fin dal principio dalla cosiddetta epidemia delle informazioni, e dalla diffusione delle fake news sul coronavirus.

Per capire in che modo la diffusione delle informazioni sul coronavirus è circolata in questi mesi, i ricercatori del nuovo studio hanno svolto un’analisi comparata dell’attività degli utenti su 5 piattaforme social: YouTube, Instagram, Twitter, Reddit e Gab.

Analizzando i dati di oltre 8 milioni di commenti e post lasciati da oltre 3 milioni e mezzo di utenti in un arco di tempo di 45 giorni (dal primo gennaio al 14 febbraio 2020), i ricercatori hanno analizzato l’interesse e il coinvolgimento degli utenti sull’argomento coronavirus, riuscendo a valutare l’evoluzione delle conversazioni nel tempo su scala globale per ciascuna piattaforma.

Inoltre, i tecnici hanno sovrapposto i dati della diffusione delle informazioni in ogni piattaforma ai modelli epidemici. Dai risultati è emerso, per esempio, che Gab è la piattaforma social più suscettibile alla diffusione delle fake news. Anche se, sottolineano i ricercatori, le informazioni provenienti da fonti attendibili e quelle da fonti non attendibili non hanno registrato differenze significative nei modelli di diffusione.

Secondo i ricercatori, comprendere le dinamiche tra la diffusione delle informazioni e le piattaforme social è fondamentale per tener conto dei comportamenti sociali e, di conseguenza, per mettere a punto strategie di comunicazione più efficaci durante la pandemia. “Il passaggio scientifico cruciale che esce dal lavoro è che i modelli epidemici non sono il massimo per spiegare i processi informativi (pare che non colgano l’omofilia, ovvero che prendiamo informazioni aderenti alla nostra visione e ignoriamo quelle a contrasto che poi è il nostro marchio di bottega)”.

In ultima analisi lo studio afferma che le informazioni false sul coronavirus non circolano più velocemente delle notizie provenienti da fonti attendibili.

Articolo Precedente

Kamala Harris la prima donna vicepresidente degli USA

Articolo Successivo

Inquinamento, l'Italia condannata dalla Corte di Giustizia UE per le polveri sottili

Ultime News