Feste e spostamenti: le FAQ sulle regole sotto le feste. Facciamo chiarezza

//
7 mins read

Giorni rossi e giorni arancioni attendono l’Italia. Ma che cosa possiamo fare nello specifico. Possiamo spostarci, mangiare qualcosa da qualche parte? Da soli o in compagnia? Possiamo andare a fare sport e se sì, dove? Insomma, ecco un vademecum che risponde alle domande più frequenti rimbalzate online in queste ore. Partendo dalla più gettonata:

Posso viaggiare da una regione italiana all’altra nel periodo natalizio?

Nessun movimento sarà consentito tra le regioni dal 21 dicembre al 6 gennaio, se non per lavoro, salute o necessità, o se sei un residente che rientra a casa.

La seconda domanda più discussa sul web:

Quindi, ci sarà un “blocco di Natale”. Cosa comporterà?

Le misure di blocco saranno in vigore dal 24 dicembre al 6 gennaio : dal 24 al 27 dicembre, dal 30 dicembre al 3 gennaio e dal 5 e 6 gennaio saranno in vigore misure più rigorose, la cosiddetta “zona rossa” in tutta Italia. Mentre l’arancione vigerà il 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio.

Durante tutto il periodo, una nuova concessione del governo italiano consentirà a un massimo di due adulti di trascorrere del tempo in un’altra famiglia una volta al giorno, a condizione che le persone vivano nella stessa regione e la visita si svolga entro le 22:00, ora dell’inizio del coprifuoco generale. Non sono compresi nel “conteggio delle persone” i minori di 14 anni, i disabili o le persone non autosufficienti.

Quali sono le regole in “zona rossa”?

Devi rimanere a casa a meno che tu non abbia un motivo valido per essere fuori. Le misure della “zona rossa” saranno in vigore il 24, 25, 26, 27, 31 dicembre e 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio.

  • I negozi sono obbligati a chiudere , ad eccezione di alimentari, edicole, farmacie, tintorie e parrucchieri. Le banche e gli uffici postali possono rimanere aperti.
  • I ristoranti (bar, pub, ristoranti, gelaterie e panetterie) possono offrire solo cibo da asporto fino alle 22:00 e consegne a domicilio (senza limiti di tempo).
  • Puoi lasciare la tua casa solo per motivi di lavoro, necessità o salute. Se esci di casa e vieni fermato dalla polizia per un controllo, devi essere in grado di giustificare le tue ragioni utilizzando il modulo di autocertificazione e mostrare un documento di identità. Attenzione, perché se non sei in grado di farlo, rischi una multa tra 400 e 1.000 euro e, in casi estremi, accuse penali e persino la reclusione per falsa dichiarazione. 
  • Durante le festività natalizie, puoi lasciare il tuo comune entro un raggio di 30 chilometri se la popolazione è inferiore a 5.000, ma non puoi visitare paesi e città più grandi.
  • Si consiglia di lavorare da casa, ove possibile, o di prendere le ferie. Se devi andare a lavorare, devi mostrare un’adeguata documentazione del tuo datore di lavoro per giustificare i tuoi movimenti, un documento di identità e il modulo di autocertificazione .
  • Il coprifuoco tra le 22:00 e le 5:00 continua a essere applicato.
  • Il rientro a casa o nel luogo di residenza è sempre consentito. 
  • Puoi allenarti individualmente solo a piedi o in bicicletta nelle vicinanze di casa tua. (Ricorda di mantenere le distanze sociali e di indossare una maschera a meno che tu non sia in una zona isolata o stia correndo.)
  • Ti è permesso lasciare la tua casa per occuparti di un familiare o un amico che non è autosufficiente.
  • I genitori separati e divorziati possono spostarsi tra i comuni per vedere i propri figli se minorenni, nel rispetto delle norme sanitarie vigenti (tenendo conto della quarantena, dei casi positivi e degli immunosoppressi).
  • Ed ecco la notizia più discussa, ma anche attesa, dagli italiani: fino a due adulti possono trascorrere del tempo a casa di un’altra persona, a condizione che vivano nella stessa regione, lo facciano solo una volta al giorno e comunque entro le 22. 

Quali sono le regole della “zona arancione” 

Le restrizioni della “zona arancione” verranno applicate il 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio. 

  • I ristoranti (bar, pub, ristoranti, gelaterie e panetterie) possono offrire solo cibo da asporto fino alle 22:00 e consegne a domicilio (senza limiti di tempo). Tutti gli altri negozi potrebbero aprire.
  • Puoi muoverti solo all’interno del tuo comune, a meno che tu non debba partire per lavoro, studio, salute, necessità o per usufruire di servizi non disponibili nella tua zona (come poste e supermercati). Se hai bisogno di lasciare il tuo comune per lavoro, devi essere in grado di mostrare adeguata documentazione fornita dal tuo datore di lavoro per dimostrare il motivo dei tuoi spostamenti. Se fermati dalla polizia per un controllo, ti verrà richiesto di mostrare il modulo di autocertificazione, che può essere scaricato quiNon è necessario portare con sé il modulo di autocertificazione tra le 5 del mattino e le 22:00 se rimani nel tuo comune.
  • Puoi uscire di casa per una passeggiata o per fare esercizio nel tuo comune. (Ricorda di mantenere le distanze sociali e di indossare una maschera a meno che tu non sia in una zona isolata o stia correndo.)
  • Il coprifuoco tra le 22:00 e le 5 del mattino continua ad essere applicato .
  • Il ritorno a casa o nel luogo di residenza è sempre consentito.
  • Ti è permesso lasciare la tua casa per occuparti di un familiare o un amico che non è autosufficiente.
  • I genitori separati e divorziati possono spostarsi tra i comuni per vedere i propri figli se minorenni, nel rispetto delle norme sanitarie vigenti (tenendo conto della quarantena, dei casi positivi e degli immunosoppressi).
  • Fino a due adulti possono trascorrere del tempo a casa di un’altra persona, a condizione che vivano nella stessa regione, lo facciano solo una volta al giorno e osservino il coprifuoco dalle 22:00 alle 5:00. 
Articolo Precedente

Sbarca su Netflix la nuova serie animata di Zerocalcare

Articolo Successivo

Conte: "Speranza dai vaccini, ma a Natale bisognerà mantenere la guardia alta"

Ultime News