Dall’Europa all’Asia, il mondo festeggia, o quasi, il nuovo anno

//
13 mins read

Molte persone volevano davvero festeggiare il nuovo anno in arrivo, piene di speranza in un cambiamento di rotta dopo questo 2020 che, per molti versi è stato un anno da cancellare. I governi di tutto il mondo hanno chiesto ai loro cittadini di non festeggiare il 2021: le tradizionali feste di Capodanno e le celebrazioni di strada sono state generalmente vietate ovunque, lasciando il posto a qualche manifestazione ufficiale. Parola d’ordine debellare il coronavirus. Un Capodanno in sordina quindi.

Da quando misteriosi casi di polmonite a Wuhan, in Cina, sono stati segnalati per la prima volta all’Organizzazione mondiale della sanità è passato un anno giusto giusto. In questo periodo in Italia 365 giorni fa si sentiva appena parlare di un nuovo virus. Sembrava la solita notizia passeggera che faceva capolino in qualche pagina interna dei nostri quotidiani. Nei successivi 365 giorni, Covid-19 ha esteso la sua portata in ogni angolo del globo, infettando oltre 82 milioni di persone e provocando almeno 1,8 milioni di morti. Una vera e propria guerra che nel 2021 siamo chiamati, tutti insieme, a vincere.

Milioni di persone oggi sono bloccate a casa e molte altre devono affrontare severe restrizioni sulle attività quotidiane mentre i governi combattono per mantenere a galla i loro sistemi sanitari fino a quando i vaccini appena approvati non potranno essere divulgati in modo massiccio.

In Europa, dove i casi sono aumentati notevolmente negli ultimi mesi, le consuete festività di fine anno sono state fortemente limitate in molti Paesi. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha esortato le persone a “festeggiare il nuovo anno in sicurezza a casa” nella conferenza stampa di Downing Street mercoledì “visto l’aumento del 40% dei casi in Inghilterra nell’ultima settimana”.

Giovedì il Regno Unito ha registrato 964 morti per coronavirus e 55.892 nuovi casi, secondo i dati del governo, mentre il Paese è alle prese con la rapida diffusione di una nuova variante di coronavirus più contagiosa. “Covid ama la folla, quindi lasciamo stare le feste”, ha detto il direttore medico nazionale del NHS England, Stephen Powis, mentre anche lui esortava le persone a rimanere a casa la vigilia di Capodanno. A partire da giovedì, più di tre quarti della popolazione inglese vive sotto le più rigide restrizioni di “livello 4” del Paese, che richiedono alle persone di rimanere a casa tranne che per lavoro, istruzione, esercizio fisico o attività essenziali. Più o meno come succede da noi in Italia, ma da loro non è consentito incontrarsi in casa e solo una persona di ogni famiglia può incontrarsi all’aperto con una sola persona di un’altra famiglia. Da noi fa notizia che per la prima volta da quando è stato eletto, nel 2013, Papa Francesco non condurrà le tradizionali celebrazioni di Capodanno a causa di un dolore al nervo sciatico, lo ha dichiarato nelle scorse ore il Vaticano.

Situazione in Irlanda ‘estremamente grave’

Il primo ministro irlandese Micheál Martin, ha annunciato mercoledì un blocco nazionale completo per “almeno” un mese, dopo la conferma che il nuovo ceppo di coronavirus più virulento scoperto per la prima volta nel Regno Unito è arrivato ora in Irlanda alimentando un aumento del 61% dei casi di coronavirus. Martin ha descritto la situazione come “estremamente grave”. Una situazione di allarme generale si vive quindi in Irlanda in questi giorni, in cui le restrizioni, entrate in vigore giovedì, includono il divieto di visite alle famiglie e la chiusura dei negozi non essenziali. Le scuole rimarranno chiuse fino all’11 gennaio. Non sono consentite riunioni sociali o familiari in nessun contesto, ad eccezione di gruppi estremamente contenuti per matrimoni e funerali.

In Francia, è in vigore un rigoroso coprifuoco dalle 20:00 alle 6:00 (in Italia orari più “larghi” lo prevedono dalle 22 alle 5) nel tentativo di arginare le crescenti infezioni da coronavirus, limitando le celebrazioni pubbliche di Capodanno in tutto il Paese. Un concerto virtuale ha celebrato l’occasione. Il ministro della Salute Olivier Véran ha avvertito che in Francia si potrebbe adottare un coprifuoco anticipato – a partire dalle 18 – dopo il 2 gennaio nelle aree in cui il virus si sta diffondendo più velocemente. I 20 o più “dipartimenti” interessati non includono Parigi. Secondo le linee guida del governo, le riunioni sono limitate a sei adulti, sebbene possa essere presente un numero qualsiasi di bambini. I ristoranti sono chiusi tranne che per il cibo da asporto e i caffè sono chiusi, mentre tutti i negozi, anche quelli non essenziali, rimangono aperti. Cinema, musei e teatri sono tutti chiusi.

In tutta la Germania sono in vigore severe restrizioni per limitare la diffusione del coronavirus. Nella capitale greca di Atene, i fuochi d’artificio hanno segnato l’inizio del 2021 senza la solita folla. La città è stata sotto stretta sorveglianza con i residenti autorizzati a lasciare le loro case solo in situazioni specifiche e con un permesso di movimento.

Il mondo festeggia il 2021, o quasi

Cosa succede nel resto del mondo in queste ore?

Niente folla a Times Square a New York quest’anno per la famosa celebrazione del ball drop, a cui ogni fine anno partecipano migliaia di persone in festa. L’evento di Capodanno a Times Square “avrà un aspetto completamente diverso rispetto a qualsiasi altro momento nella storia”, ha detto mercoledì il capo del dipartimento di polizia di New York, Terence A. Monahan.

Il governatore del Nevada, Steve Sisolak, mercoledì ha detto: “Non mi sfugge che Las Vegas è nota per essere uno dei posti migliori al mondo per festeggiare il nuovo anno. Ma quest’anno dobbiamo avere un profilo diverso”. Nel frattempo, in California, tra gli ultimi stati degli Stati Uniti a celebrare il nuovo anno considerato il fuso orario, sono stati rilevati tre nuovi casi della variante del coronavirus visti per la prima volta nel Regno Unito. “La scoperta di ulteriori casi porta i funzionari sanitari della contea a credere che il nuovo ceppo del virus sia diffuso nella comunità”, ha detto un portavoce della contea di San Diego.

Da Hong Kong gli auguri al mondo

Anche il Sudafrica ha vissuto un più che sobrio Capodanno. Il presidente Cyril Ramaphosa ha annunciato lunedì restrizioni ancora più severe mentre le nuove infezioni da coronavirus sono aumentate a quello che ha descritto come un “livello senza precedenti”. In base alle normative più severe, in vigore fino a metà gennaio, tutti i raduni al chiuso o all’aperto sono vietati, il coprifuoco nazionale è stato esteso dalle 21:00 alle 6:00 e la vendita di alcolici è ovunque vietata. La morsa è stata stretta dopo che una nuova variante del Covid-19 è stata rilevata nel sud dell’Africa e i casi sono aumentati durante le festività natalizie. Dalla vigilia di Natale sono stati segnalati più di 50.000 nuovi casi, ha detto Ramaphosa. “Il rapido aumento delle infezioni è alimentato dai cosiddetti eventi di super-diffusione, comprese le funzioni di fine anno, le riunioni familiari e sociali, la musica e gli eventi culturali”, ha dichiarato.

In Australia, il tradizionale spettacolo pirotecnico ha illuminato i cieli sopra la Sydney Opera House e l’Harbour Bridge. Ma lo spettacolo è stato più breve del solito e alle persone è stato vietato di radunarsi lungo il porto. La premier del New South Wales, Gladys Berejiklian si è scusata lunedì per le restrizioni, ma ha affermato che erano necessarie per prevenire un potenziale evento di super diffusione. Da quelle parti, un raduno di massa sulla Bronte Beach di Sydney il giorno di Natale, in violazione delle norme locali anti-Covid-19, ha provocato forte sdegno e proteste pubbliche generalizzate. Ora la guardia è più alta.

Qualcuno festeggia: la Nuova Zelanda

Il successo ampiamente invidiato della Nuova Zelanda nell’eliminazione delle infezioni da coronavirus ha significato almeno in questo spicchio di pianeta che il capodanno poteva essere celebrato più o meno come al solito. I fuochi d’artificio hanno illuminato il cielo notturno sopra Auckland mentre la città accoglieva il nuovo anno.

I festeggiamenti a Hong Kong

A Hong Kong, i tradizionali festeggiamenti del capodanno sono stati sostituiti da un conto alla rovescia virtuale con l’Hong Kong Tourism Board in diretta streaming. Emozionanti le parole di incoraggiamento luminose che si sono alternate in uno speranzoso augurio all’umanità.

In Cina, giovedì il presidente Xi Jinping ha tenuto un discorso di Capodanno (registrato), lodando il paese per la sua risposta alla pandemia. I fuochi d’artificio sono andati avanti come previsto a Taipei, Taiwan, anche se sono state imposte alcune restrizioni a coloro che frequentavano i punti di osservazione pubblica. Secondo il sito web del governo della città di Taipei, le mascherine erano obbligatorie e le persone dovevano portare i loro telefoni cellulari per l’eventuale tracciamento dei contatti. Cibo e bevande diversi dall’acqua sono stati vietati durante i festeggiamenti.

Diverse grandi città dell’India hanno imposto restrizioni alle celebrazioni del nuovo anno. Le autorità di Delhi hanno limitato le riunioni pubbliche a cinque persone e hanno imposto un coprifuoco notturno tra le 23:00 del 31 dicembre e le 6:00 del giorno dopo. Restrizioni sono state imposte anche a Mumbai e Bengaluru. “Dopo le 23:00, non sarà consentita nessuna festa – che si tratti di ritrovarsi nei ristoranti, bar, pub, spiagge o… tetti. Monitoreremo tutto tramite droni”, aveva dichiarato ai media locali S. Chaitanya, portavoce della polizia di Mumbai. La buona notizia è che il tasso di infezioni da coronavirus è diminuito costantemente in India da ottobre. 

Il mondo festeggia il nuovo anno, certamente. Il 2021 è foriero di cambiamenti e tanta speranza. Ma questo tipo di festa quest”anno è più che mai diverso dal solito. E’ soprattutto intima, privata, interiore. Non solo perché la viviamo a casa più o meno ovunque, ma anche e soprattutto perché la sentiamo dentro, come un’urgenza di tornare ad abbracciarci tra noi, ad abbracciare il mondo. Ci stiamo preparando in questo modo all’anno che segna oggi il suo primo, promettente giorno. Auguri!

Articolo Precedente

1 gennaio 2021: cosa si può fare

Articolo Successivo

Cashback, terminata la fase sperimentale di Natale, da oggi nuove regole

Ultime News