Cashback, terminata la fase sperimentale di Natale, da oggi nuove regole

//
2 mins read

di Giacomo Torresi –

Insieme al 2020 è terminato l’extra Cashback di Natale voluto dal Governo per incentivare gli acquisti nei negozi e al contempo combattere l’evasione fiscale. Il meccanismo di rimborso per gli acquisti effettuati con pagamenti elettronici non si ferma e riparte a gennaio con regole diverse.

Nella fase sperimentale natalizia, dall’8 al 31 dicembre, per ottenere il rimborso del 10% bastavano 10 acquisti. Il rimborso poteva arrivare al massimo a 150 euro.

Secondo fonti di Palazzo Chigi, a mercoledì 30 dicembre la cifra da erogare ai cittadini che già hanno ottenuto l’Extra Cashback di Natale è di oltre 157 milioni di euro.

Da oggi si passa al Cashback “standard”, che prevede un rimborso sempre pari al 10%, non sarà necessaria alcuna procedura per attivarlo, chi si è già iscritto sull’app IO o con altre modalità al Cashback di Natale è automaticamente iscritto anche alla procedura “standard”.

Gli acquisti dovranno sempre essere effettuati nei negozi fisici con carte o app di pagamento, come per l’Extra Cashback di Natale non valgono per il rimborso gli acquisti effettuati online.

Sono invece validi i pagamenti in bar, ristoranti, ad artigiani o professionisti e per la benzina.

Il rimborso massimo ottenibile è di 300 euro all’anno in 2 sessioni, bisogna effettuare un minimo di 50 pagamenti ogni 6 mesi che danno diritto a un rimborso del 10% su quanto è stato speso, per un massimo di 150 euro.

Come per l’Extra Cashback di Natale il rimborso massimo per singola transazione è di 15 euro, a prescindere dall’importo. Accanto al Cashback “standard” arriva anche il Super Cashback: ai primi 100mila cittadini che realizzano il maggior numero di transazioni con carte e app il rimborso è di 1.500 euro a semestre, ovvero fino a 3.000 mila euro l’anno.

Quindi tra il Cashback di base e il Super Cashback è possibile ottenere un rimborso fino a 3.300 euro l’anno.

Il Super Cashback sarà attivo per 3 semestri, dal’1 gennaio 2021 al 30 giugno 2022, i rimborsi saranno erogati sul conto corrente entro 60 giorni dal termine di ciascun periodo: quindi ad agosto 2021, febbraio 2022 e agosto 2022.

Articolo Precedente

Dall'Europa all'Asia, il mondo festeggia, o quasi, il nuovo anno

Articolo Successivo

Israele ha già vaccinato 1 milione di persone, il 10% della popolazione

Ultime News