La storia di Teresa Fornaro nello storytelling di Federica Segato. Due italiane votate all’eccellenza

//
6 mins read

Federica Segato, Founder di Career Leadhers è tra le migliori storytellers presenti in rete. Nel suo profilo LinkedIn condivide la sua esperienza di crescita professionale e personale, le storie delle donne di ispirazione per tutte quelle persone che hanno voglia di crescere e migliorarsi. Strizzando l’occhio al genere femminile.

In questa occasione, Federica Segato racconta la storia di Teresa Fornaro, la prima studiosa italiana selezionata dalla Nasa per supportare gli studi della missione Mars 2020.

Uno storytelling “spaziale”

“È l’unica italiana scelta dalla NASA per partecipare a “Mars2020”, la missione che ha l’obiettivo di cercare forme di vita su Marte.

Teresa Fornaro nasce nel 1988 a Brusciano. Dopo la laurea magistrale in Chimica, nel 2016 consegue un dottorato di ricerca alla Normale di Pisa. Inizia poi a collaborare con l’Istituto Nazionale di Astrofisica a Firenze.

Nel 2017 vola a Washington: qui prosegue la sua attività di ricerca al Geophysical Laboratory del Carnegie Institution for Science. Nel 2019 torna in Italia: vince un concorso e viene assunta dall’Osservatorio dell’Istituto Nazionale di Astrofisica di Arcetri.

L’anno successivo scopre che la NASA sta selezionando 13 ricercatori per la sua missione Mars 2020, che ha l’obiettivo di scoprire se ci sono state forme di vita sul pianeta. Teresa partecipa al bando e vince. A Febbraio 2021 il rover della NASA atterra in diretta mondiale su Marte.

I dati raccolti durante questa missione verranno analizzati da Teresa e dal resto del team scientifico. Oggi Teresa, a soli 32 anni, è conosciuta come l’unica italiana tra i 13 ricercatori scelti dalla NASA per cercare forme di vita su Marte.

Teresa Fornaro

Storie di donne vincenti

Il sindaco di Brusciano, Peppe Montanile, non ha perso l’occasione per fare le sue personali congratulazioni alla compaesana d’eccellenza sul suo profilo Facebook, dove ha scritto: 

Perseverance è su Marte. Fra le scienziate in prima linea c’è la nostra Teresa Fornaro, ricercatrice all’Inaf di Firenze, nativa di Brusciano, unica italiana tra i 13 participating scientist della missione.

Quella di Teresa Fornaro è una di quelle storie che aiutano a motivarsi per perseguire i propri obiettivi. Collaboratrice dell’Osservatorio di Arcetri dell’Inaf (l’Istituto nazionale di astrofisica) a Firenze, ha poi ottenuto un Postdoctoral Research Fellow al Geophysical Laboratory del Carnegie Institution for Science di Washington, in cui si è occupata di ricerca sull’astrobiologia. E’ diventata così una profonda conoscitrice delle interazioni fisico-chimiche tra molecole organiche e minerali che potrebbero aver giocato un ruolo nella transizione dalla geochimica alla biochimica in ambienti prebiotici sulla Terra.

È Teresa Fornaro, napoletana, l'unica italiana alla missione Nasa su Marte  > JUORNO.it

Conoscenze che possono tornare utili anche per studiare altri corpi nel Sistema solare. Ovviamente.

Era l’8 febbraio 2021

8 febbraio 2021 – Il rover Perseverance della missione Nasa Mars 2020, lanciata il 30 luglio 2020, arrivava puntuale alle 21,55 italiane sul Pianeta rosso. La procedura è durata gli oramai noti “sette minuti di terrore”, perché complessa (vedi il video) per una serie di fattori tra cui l’attrito atmosferico, un paracadute supersonico (che deve resistere a velocità superiori a quelle del suono), un inedito sistema di riconoscimento delle caratteristiche del suolo e otto retrorazzi della gru Skycrane. Tutto alla fine ha funzionato al centesimo di secondo permettendo a Perseverance di posarsi delicatamente sul suolo di Marte.

Ora è iniziata la fase scientifica in cui Teresa Fornaro diventa protagonista, considerato che, tra gli obiettivi della missione, il principale è proprio quello di scoprire tracce di vita su Marte. La ricercatrice all’Inaf di Firenze e l’unica italiana tra i 13 participating scientist della missione.

Storie, marketing e…

E così Federica Segato, la fondatrice di Career Leadhers, ci fa conoscere l’ennesima storia di una donna di successo. Career Leadhers nasce proprio con questa missione: promuovere il gentil successo dell’imprenditoria – ma non solo -internazionale, ancora troppo spesso relegato ai margini delle posizioni di vertice. Ne abbiamo parlato in queste ore QUI, in un articolo di Virginia Rifilato

Potrebbe essere un'immagine raffigurante 1 persona

Ricorrere allo storytelling per ispirare e attrarre l’attenzione sembra essere l’elemento vincente nel personal branding di Federica Segato che ottiene migliaia di likes ad ogni suo post.

In effetti l’uso dello strumento è particolarmente abile e condito di tutte le caratteristiche che deve contenere il “racconto dell’eroe”: la difficoltà iniziale, la chiamata all’azione, la scelta, la sfida e, finalmente, la vittoria.

Nell’attesa di leggere la prossima storia di successo raccontata da Federica Segato, facciamo i complimenti alla nostra Teresa Fornaro. Ancora una volta un’italiana ci dimostra la qualità del Made in Italy, che non è solo prodotti di moda o enogastronomici, ma anche menti e professionalità di eccellenza. Oggi ne abbiamo anche noi raccontate un paio.

Paul k. Fasciano, co-owner di InsideMagazine, formatore, autore e business coach, mette competenza, etica ed empatia al servizio di professionisti e aziende, orientandoli alle migliori strategie di comunicazione.

Articolo Precedente

Lavoro ibrido: l'azienda Revolut accorda due mesi di smart working all'estero

Mihály Csíkszentmihály Flow
Articolo Successivo

"Flow", il libro di Mihály Csíkszentmihály. Usiamo le nostre capacità al massimo

Ultime News