“Interviste Carismatiche”. Barbara Suigo intervista il CEO di Saati, Antoine Mangogna

//
4 mins read

di Barbara Suigo –

In questa intervista accolgo Antoine Mangogna nel mio “salotto virtuale”. Francese di nascita, ha iniziato gli studi a Tunisi, dove si trovavano, in conseguenza della Seconda Guerra Mondiale i genitori e i nonni, cittadini italiani, e li termina a Parigi in una delle più prestigiose business school, l’Institut Supérieur de Gestion. Oggi Mangogna è il CEO della Saati Spa di Appiano Gentile, azienda specializzata in tessuti tecnici per diversi segmenti di mercato, chiamato ad assumere questo ruolo con convinzione da un presidente illuminato, Alberto Novarese. Scelta che si è rivelata vincente, visto che alla guida dei 900 dipendenti – collaboratori di questa multinazionale – Mangogna l’ha portata inesorabilmente al successo.  Un boom che punta a un giro d’affari da 250 milioni.

ANTOINE MANGOGNA, CEO DI SAATI - "Ai giovani dico: mangiate l'azienda" -  Magazine Confindustria Como

I filtri negli smartphone, ma anche quelli nelle lavastoviglie o negli aerei. La Saati si rivolge al mondo biomedicale e quello farmaceutico o militare.

In Saati si producono anche giubbotti antiproiettile oltre alla stampa dei pannelli solari, o degli imballi, o della carta credito: sempre più minuscoli, e preziosi, così sono i prodotti che escono da questa azienda ultra-tecnologica. 

Il “miracolo” Saati Tecnologia, lavoro e fatturato record - Economia,  Appiano Gentile

«I risultati? Arrivano, perché noi siamo i “Saatiani”» ha dichiarato tempo fa Antoine Mangogna.

E in una frase traspare il suo approccio aggregativo, la sua cultura aziendale e il valore che conferisce alle persone.

Per me è stato un incontro di grande ispirazione che mostra il livello di consapevolezza e i valori di alcuni top manager di straordinario livello di cui oggi l’Italia può vantarsi.

Alcuni passaggi focali di questa straordinaria intervista ad Antoine Mangogna:

“Ho la necessità di toccare con mano la realtà delle donne e degli uomini di SAATI, per cui appena posso giro le fabbriche, giro gli uffici, tolgo la cravatta, mi siedo e parlo con le persone.”

“Un’azienda non è altro che un gruppo di donne e uomini, una consapevolezza che ha portato il sottoscritto a capire quanto fosse importante interagire. Quando occupi un ruolo di vertice, rischi di dimenticare il lato operativo della tua azienda. E quindi quando ti dedichi a essere operativo riesci ad entrare nei panni delle altre persone a capire le loro problematiche”

What you see is what you get: per me una frase che è alla base del mio comportamento e della mia gestione. Un giorno all’anno noi manager metteremo jeans e maglietta e andremo a svolgere una mansione nel mondo operativo, nelle nostre fabbriche.”

“Abbiamo iniziato a costruire quelli che sono veramente i valori fondanti della società. Un tempo pensavamo che il valore, la missione, era far soldi. Oggi sappiamo che i valori sono il coraggio, la verità, perché una brutta verità è molto più utile di una bella bugia. E poi la creatività, il senso del team. Allora la conclusione è che, se tu vuoi capire come trasmettere carisma, se tu vuoi essere carismatico e trasmettere quelle onde hertziane che portano le persone a seguirti anche all’inferno senza che loro possano temere di farsi male, tu devi iniziare ad incarnare questi valori, a trasmetterli e condividerli.”

Antoine Mangogna è uno straordinario leader carismatico, un esempio per i manager di oggi e di domani. Ti invito, allora, a guardare questa e le altre mie “Interviste Carismatiche” ai migliori leader aziendali del nostro paese. Da Barbara Suigo e The School of Carisma, buon ascolto e buona visione.

Barbara Suigo è un'esperta in comunicazione e una studiosa dell'Arte del Carisma. Con le sue "Interviste Carismatiche" Barbara intervista tutte quelle figure professionali di successo che hanno quella scintilla – il carisma, appunto – che fa di loro degli eccellenti professionisti e degli splendidi esseri umani.

Articolo Precedente

Editoria: movimento API, un fondo per salvare le TV locali

Articolo Successivo

Lavorare con lentezza: l'esempio di Tim Urban

Ultime News