imprenditore finanza

Quali sono i segreti per diventare imprenditori nella finanza

/
4 mins read

di Pierfrancesco Palattella –

La voglia di impresa è sempre molto alta nel nostro Paese, contesto nel quale la fine del sogno del posto fisso e la continua precarizzazione del lavoro hanno avuto come contropartita la necessità per molti di reinventarsi, mettersi in gioco e diventare padroni del proprio destino.
Chi intende diventare imprenditore deve necessariamente sapere che, in tale veste, non ci si improvvisa e che, soprattutto, occorre avere competenze non banali in termini di finanza. Senza queste, aprire un’impresa e riuscire a stare sul mercato diventa un’opera quasi disperata vista anche la nota burocrazia italiana e la quantità di tasse cui si va incontro.

Il sistema finanziario è in una fase di evoluzione

Piccoli imprenditori innovativi crescono. Cosa facciamo per loro?

Il punto dal quale occorre partire è che il sistema finanziario è in un momento di grande mutamento.

In particolare, la finanza tradizionale, quella rappresentata dal sistema bancario, è sotto attacco da parte di nuovi soggetti che puntano dichiaratamente a sovvertire i rapporti di forza esistenti. Il riferimento è naturalmente alle criptovalute e alla DeFi, la finanza decentralizzata che si ripromettono di agire su un tema troppo spesso sottovalutato dalla finanza tradizionale, ovvero l’inclusione di tutti quei soggetti i quali non riescono a trovare risposte dalle banche per i più svariati motivi.
Per chi è alla ricerca di soldi per sostenere una sua idea e trasformarla in una vera e propria impresa, conoscere il mondo della finanza è in sostanza una sorta di pre-condizione. Ecco perché il nostro consiglio è di non scartare nulla in partenza, sulla base di semplici pregiudizi.

L’importante è avere le idee chiare

Per chi intende avere successo come imprenditore, quindi, la competenza in ambito finanziario è estremamente preziosa. Per riuscire ad acquisirla si possono seguire strade diverse che, però, devono necessariamente condurre alla formazione di un know-how di alto livello. Il solo che può permettere di dare vita, ad esempio, a quel business plan considerato ormai un passo fondamentale per chi si deve rivolgere al mercato o al sistema finanziario per reperire le necessarie risorse sulle quali fondare non solo l’apertura della propria attività, ma anche i primi passi di vita della stessa.

Le competenze necessarie per diventare imprenditori

La finanza, quindi, è la base su cui si fonda l’impresa. Per riuscire a padroneggiarla occorre un processo di formazione preventivo, che deve consentire all’aspirante imprenditore di padroneggiare una serie di tematiche come il problem solving, il project management, l’assistenza ai clienti, la capacità di attirare finanziamenti senza dover necessariamente passare per il sistema bancario tradizionale e molto altro.
Tutti temi che sono ormai necessari in un mondo globalizzato, in cui la concorrenza non è soltanto locale, come accadeva un tempo. Per riuscire a padroneggiarli al meglio, si può puntare su un processo formativo, ad esempio frequentando uno dei tanti corsi che sono offerti dagli specialisti, anche online, come nel caso di www.giocareinborsa24.com/. Ma soprattutto non dare mai nulla per scontato, in un mondo che continua a cambiare con una rapidità sempre più accentuata.  

Pierfrancesco Palattella, Consulente Digital Marketing, Seo, Digital PR. Co-owner di Linking Agency, giornalista e formatore di scrittura tecnica per i motori di ricerca, aiuta aziende ad aumentare la visibilità su Google.

Articolo Precedente

Sbarca in Italia Shopopop, la consegna a domicilio collaborativa

Articolo Successivo

Frullato di proteine: buono anche per la mente

Ultime News