Robert Dilts e il carisma

Podcast n. 3 – Robert Dilts: Santi, manager e coerenza

///
6 mins read

di Barbara Suigo – esperta in carisma –

Siamo di fronte ad un cambiamento storico epocale che avrà, da adesso in poi, un impatto enorme in ogni sfera professionale e, in particolar modo, nella managerialità.
Il distanziamento sociale, unitamente al lavoro da remoto, mette le aziende in condizione di rivedere non solo la loro struttura organizzativa ma anche la qualità della leadership.

Continuiamo il nostro viaggio nel fantastico mondo del carisma, dopo l’appuntamento dedicato a Oprah Winfrey che puoi leggere, e ascoltare, QUI

Cambiare sistema di leadership

Potrà ancora funzionare a lungo il modello di leadership transazionale, basato su una scala gerarchica, da capo a subordinato, gestito col metodo “bastone e carota” o si renderà urgente cambiare sistema, passando ad una leadership inclusiva, basata sulla collaborazione ed il rispetto di ogni professionista?
Robert Dilts – esperto mondiale di Programmazione Neuro Linguistica (la disciplina che studia l’impatto delle parole sul cervello e nella comunicazione in generale) e grandissimo studioso di Carisma – sostiene che i santi abbiano qualcosa, se non molto, da insegnare anche alle aziende.
Tolte, infatti, le specifiche questioni relative ad ogni singola religione, i santi rappresentano l’incarnazione di un valore di cui molti manager non conoscono nemmeno l’esistenza, ovvero la dedizione ad un fine che va “oltre” i propri interessi personali.

Robert Dilts

Il leader… spirituale

Pensiamo ad un leader spirituale: per lui contano parole quali il senso della propria missione, il valore da dare al suo gruppo, la necessità di migliorare la qualità della vita delle persone che gravitano intorno a lui, distribuendo valori e benefici. 
Tutto questo non ha dunque nulla a che vedere col badare unicamente ai propri interessi personali piuttosto che col puntare ad ottenere dei risultati nel breve periodo ma a perseguire una visione globale che guarda lontano, molto lontano.
Un atteggiamento mentale di questo genere porta il leader a farsi domande specifiche quali “Che tipo di contributo desidero intendo portare alla mia comunità?”, “Qual è il mio lascito ai posteri?”, ed è proprio questo tipo di visione che mette il leader nella condizione di affrontare con coraggio e determinazione tutti gli ostacoli che si frappongono via via sul suo cammino poiché sostenuto da un potente valore: il senso della sua missione.

Leader, carisma, e visione

Questo significa anche che il leader è consapevole che ogni singola scelta fatta dev’essere attentamente ponderata, poiché grava sulle sue spalle l’enorme senso di responsabilità nei confronti di ogni singola persona che fa parte del suo gruppo e che deve proteggere ad ogni costo. Ecco, di fronte a questa disamina sui valori che muovono i leader spirituali c’è da chiedersi quanti manager o capi d’impresa abbiano veramente a cuore tutto ciò.
Infine, c’è un altro aspetto che diventa fondante mutuare ai leader spirituali ed è la coerenza delle loro azioni rispetto a quanto professano: funziona davvero così nelle aziende?
Forse è veramente urgente non solo porsi queste domande ma trovare persone di valori che guidino le aziende in questi tempi così incerti.

Ed ecco il mio contributo podcast a Robert Dilts al quale segue la seconda skill della serie “Sette semplici modi per diventare più carismatici”

Skill numero 2: Parlare di possibilità

Parlavamo del leader carismatico e della sua capacità di avere visione, di guardare lontano. Il leader in questione si focalizza sulle cose che vuole, su un Grande Perché che condivide con il suo team, insieme al quale scopre le opzioni e si lascia ispirare su nuove opportunità che altrimenti avrebbe perso. Se il leader carismatico si concentra sugli aspetti negativi della sua situazione li amplificherà, divulgando intorno a sé un senso di pessimismo distruttivo, provocando emozioni negative che rallenteranno ogni processo, perdendo tempo ed energia.

Se vuole più tempo, una persona che segue una visione chiara, parla delle cose importanti che intende pianificare nella giornata, nella settimana, nel mese e nell’anno. Insomma, sviluppa un piano d’azione assieme ai suoi. Se vuole più successo, parla delle sue aspirazioni e cosa può fare in prima persona per renderle una realtà. Evita, pertanto e tassativamente, di concentrarsi su quanto grandi siano i suoi problemi, perché sa perfettamente che “l’energia va dove va il pensiero”.

Se vuoi più potere e influenza nella tua vita, nel tuo lavoro, nella tua cerchia di amici, parla di quello che farai, afferma e domanda in termini di “possibilità”. Se fosse possibile (perché è possibile), cosa servirebbe per ottenerlo? Se pensi che nessuno ti prenderà seriamente, succederà. Se pensi in termini di possibilità, accadrà. Ed ecco il secondo, grande segreto del Carisma.

Sono Barbara Suigo, trainer ed esperta in Carisma, e ti aspetto per il nostro quarto appuntamento sabato prossimo sulle pagine di InsideMagazine.

Barbara Suigo è un'esperta in comunicazione e una studiosa dell'Arte del Carisma. Con le sue "Interviste Carismatiche" Barbara intervista tutte quelle figure professionali di successo che hanno quella scintilla – il carisma, appunto – che fa di loro degli eccellenti professionisti e degli splendidi esseri umani.

Gigi Proietti teatro Villa Lazzaroni
Articolo Precedente

Gigi Proietti, un teatro a lui dedicato nella storica Villa Lazzaroni di Roma

8 marzo festa della donna
Articolo Successivo

8 Marzo, Festa della Donna, tutti gli eventi nella Capitale

Ultime News

E’ buono per me?

di Chiara Narracci – Sociologa – Il “WORLD HAPPINESS REPORT” è una classifica dei Paesi più