///

Diesel x Diesel, un re-branding alla ricerca della felicità

2 mins read

Quando si pensa ad una collezione memorabile, nella moda, si tratta molto spesso di una collaborazione: basti pensare alle iconiche capsule di Louis Vuitton x Supreme, Nike x OffWhite, Gianbattista Valli x H&M, o la più recente, Yeezy x Gap.

La collezione di Diesel

La nuovissima collezione SS21 di Diesel, però, decide di spiazzare tutti collaborando con la versione vintage di se stesso, un re-branding che avviene con la sua vecchia identità per reintrodurre 24 staples nei giorni nostri. Ed ecco che la pelle, le toppe, il denim dal lavaggio chiaro e motivi jacquard tornano protagonisti della moda primavera-estate del 2021 in chiave moderna, ma pur sempre rispettando l’estetica vintage tipicamente nordamericana.


Nella collezione sono presenti jeans a gamba dritta, aviator jackets, minigonne e tute da workwear, tutti pezzi estrapolati dai più rari archivi del marchio da Renzo Rosso, il fondatore del brand.

La campagna Fake smiles

A presentare la capsule, in chiave provocatoria e surreale, è la campagna Fake smiles, ideata dal direttore creativo di Diesel, Glenn Martens:
«Partendo dal mantra Diesel del For Successful Living, Fake Smiles parla della nostra costante ricerca della felicità. Le immagini presentano soggetti in scenari ordinari quotidiani, tutti mascherati con espressioni estremamente gioiose, immagini surreali che evocano un senso di nostalgia e catturano lo spirito dei decenni che hanno ispirato questa collezione.»

I grandi sorrisi della campagna non sono nient’altro che una maschera che nasconde una esasperata ricerca della felicità, ponte indiscutibile tra le due epoche. Le fotografie sono scattate in uffici, college, case dall’atmosfera anni ‘80, ma dai desideri e sentimenti decisamente attuali.

All’insegna del digitale

La campagna sarà tutta digitale, e vedrà il coinvolgimento di tutti i social media e i portali video come Youtube, Snapchat, Tik Tok, Facebook e Instagram. La direzione creativa della campagna è di Christopher Simmonds, mentre la pianificazione sarà curata da ForwardPMX in Europa e Nord America.


Mina
Articolo Precedente

Mina compie 81 anni. La storia di un'icona

nomadi digitali
Articolo Successivo

Nomadi Digitali: quando il lavoro diventa slow?

Ultime News