grappa

Grappe selezionate, le eccellenze italiane

/
2 mins read

La grappa è un prodotto in grado di portare lustro al nostro paese in tutto il mondo, apprezzato e riconosciuto in modo trasversale. Nasce dalla distillazione della vinaccia, vale a dire delle bucce degli acini dopo la loro spremitura per ricavarne il mosto tramite il quale si procede alla produzione del vino.
Parlando in termini tecnici quindi la grappa deriva dal riutilizzo di sostanze scarto in fase di produzione del vino. Il che non significa affatto che si tratti di un prodotto di qualità inferiore, tutt’altro. Le grappe possono essere anche estremamente pregiate e di qualità eccelsa, alla pari dei vini.
La parola grappa rappresenta un unicum, nel senso che può essere utilizzata solo e soltanto per indicare questi prodotti distillati derivati da vinacce italiane. Ecco perchè quando si parla di grappa ci si sta riferendo esclusivamente e necessariamente ad un prodotto 100% made in Italy, non è possibile trovare il medesimo distillato nato in una qualsiasi altra parte del mondo.

Le grappe più pregiate

Quali sono le grappe più amate dai consumatori e le più pregiate? Facendo una macro divisione possiamo dire che le grappe si dividono in giovani, aromatiche, invecchiate, stravecchie, barricate ed aromatizzate. Il tutto in base alla classificazione ANAG.
Ogni nome è esplicativo del prodotto in questione: una grappa giovane ad esempio viene imbottigliata direttamente senza essere invecchiata nelle botti; c’è poi il caso della barricata, regolamentata dal Ministero delle Politiche agricole nel 2016, che prevede che il distillato venga fatto riposare in contenitori di legno per un periodo non inferiore ad un anno o in barrique di rovere francese. E non a caso i prodotti maggiormente pregiati vanno ricercati proprio nella selezione di grappe barricate.
Parlando di invecchiate, il riferimento è a grappe che abbiano passato un processo di invecchiamento non inferiore ai 12 mesi (per la precisione, dai 12 ai 18); questo genere di grappa è strettamente regolamentato dalla normativa italiana. Stessa restrizione che riguarda la grappa Stravecchia o Riserva, visto che anche in questo caso il periodo di giacenza in botti per l’invecchiamento è regolamentato a monte e non può essere inferiore ad una data finestra temporale.

Pierfrancesco Palattella, Consulente Digital Marketing, Seo, Digital PR. Co-owner di Linking Agency, giornalista e formatore di scrittura tecnica per i motori di ricerca, aiuta aziende ad aumentare la visibilità su Google.

Articolo Precedente

Podcast con Barbara Suigo. Simon Sinek e gli uomini del "come"

Articolo Successivo

Prova costume, body shaming e body positivity

Ultime News