Festival Genius loci 2022 – Dove abita il genio

///
4 mins read

Inizia a Roma la quinta edizione della rassegna dedicata all’architettura e alla ricerca scientifica, tour guidati, mostre fotografiche, performance e workshop per conoscere i luoghi dove si crea il futuro

Roma 11– 29 maggio 2022

Inizia la quinta edizione del festival Genius loci- Dove abita il genio, nella Capitale dall’11 al 29 maggio, che porta all’esplorazione dei luoghi in cui la scienza si attua e diventa cosa viva. Una grande rassegna di eventi tutti gratuiti: visite, tour guidati, mostre e workshop, per far conoscere a un pubblico ampio i posti e i protagonisti di una Roma meno nota, non la città che custodisce un patrimonio storico e artistico senza pari ma quella, proiettata verso il futuro, che con i suoi numerosi centri di ricerca all’avanguardia è un polo di innovazione di rilevanza mondiale.

Realizzato dall’associazione culturale Open City Roma con la curatela di Laura Calderoni, il festival Genius loci- Dove abita il genio è quest’anno alla sua quinta edizione e vede ampliarsi la proposta dei luoghi visitabili, tutti gratuitamente. Si tratta di posti di particolare interesse per via della loro rilevanza scientifica oltre che per il valore architettonico delle loro sedi, che fanno delle visite esperienze di rilievo anche per la bellezza dei luoghi, normalmente inaccessibili al pubblico. In particolare il tema di quest’anno ruota attorno alle neuroscienze e si concentra sulla percezione dello spazio architettonico attraverso i sensi. Quando guardiamo e viviamo uno spazio il nostro cervello attiva dei processi spazio-temporali in cui si trovano esperienze ed emozioni, in questo modo un ambiente fisico agisce su di noi, sulla nostra percezione, influenza il nostro comportamento e i movimenti. Ma cosa agisce positivamente sul nostro umore? Quali sono gli spazi pubblici dove ci sentiamo bene e perché? Il festival propone, così, di guardare la città dal punto di vista emozionale e osservare il ruolo che lo spazio costruito assume nella percezione visiva e psichica dell’osservatore.

«In questi cinque anni con Genius Loci- Dove abita il genio abbiamo aperto circa 40 luoghi normalmente inaccessibili – racconta Laura Calderoni, curatrice del festival e parte del direttivo di Open City Roma – dove ogni giorno scienziati e ricercatori portano avanti la ricerca, trovando soluzioni, creando  progresso,  innovando. Sono posti che permettono di capire quanto sia grande l’impatto che la ricerca e la scienza hanno nella vita di tutti ma che sono anche molto belli dal punto di vista artistico e architettonico. È un racconto a due voci tra scienza e architettura, per comprendere un aspetto della nostra città meno conosciuto, che racconta una Roma diversa da quella a cui siamo abituati.»

Il festival Genius loci- Dove abita il genio è realizzato dall’associazione culturale Open City Roma con il supporto di: Accademia Nazionale dei Lincei, Agenzia Spaziale Italiana, CHOSE- Polo solare Organico Regione Lazio, CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche, Comitato Ex Snia – Il Lago che combatte, CREF – Centro Ricerche Enrico Fermi, Istituto Nazionale di Astrofisica, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Università Sapienza Roma,  Università Tor Vergata e in collaborazione con: Floralism, La Scienza Coatta, Tavola Rotonda APS.
 
Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico EUREKA! Roma 2020 – 2021 – 2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE

QUI IL PROGRAMMA

Articolo Precedente

IL NUOVO GUINNES DI DUBAI: È LA CITTÀ IN CUI SI INVESTE DI PIÙ AL MONDO

Articolo Successivo

La seconda legge dei pop brand. L'unica storia che conta è quella che la gente racconta

Ultime News